Maria ed Elisabetta gioiscono insieme

Luca 1:39–55

39In que’ giorni Maria si levò e se ne andò in fretta nella regione montuosa, in una città di Giuda,

40ed entrò in casa di Zaccaria e salutò Elisabetta.

41E avvenne che come Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino le balzò nel seno; ed Elisabetta fu ripiena di Spirito Santo,

42e a gran voce esclamò: Benedetta sei tu fra le donne, e benedetto è il frutto del tuo seno!

43E come mai m’è dato che la madre del mio Signore venga da me?

44Poiché ecco, non appena la voce del tuo saluto m’è giunta agli orecchi, il bambino m’è per giubilo balzato nel seno.

45E beata è colei che ha creduto, perché le cose dettele da parte del Signore avranno compimento.

46E Maria disse: "L’anima mia magnifica il Signore,

47e lo spirito mio esulta in Dio mio Salvatore,

48poich’egli ha riguardato alla bassezza della sua ancella. Perché ecco, d’ora innanzi tutte le età mi chiameranno beata,

49poiché il Potente mi ha fatto grandi cose. Santo è il suo nome;

50e la sua misericordia è d’età in età per quelli che lo temono.

51Egli ha operato potentemente col suo braccio; ha disperso quelli ch’eran superbi ne’ pensieri del cuor loro;

52ha tratto giù dai troni i potenti, ed ha innalzato gli umili;

53ha ricolmato di beni i famelici, e ha rimandati a vuoto i ricchi.

54Ha soccorso Israele, suo servitore, ricordandosi della misericordia

55di cui avea parlato ai nostri padri, verso Abramo e verso la sua progenie in perpetuo".

Fotografie